VerdeBiancoRosso

24 02 2011

1979 da qui parte la mia storia, vi è mai capitato di provare ad andare su Wikipedia e scrivere l’anno in cui siete nati per vedere tutte le notizie dei fatti più rilevanti accaduti in quell’anno? Non è male la cosa, nel 1979 scoprono che Giove è circondato da un anello, l’Egitto e Israele firmano un trattato di pace, che Andreotti è al suo quinto governo, che ci sono state le elezioni politiche anticipate, che Boris Giuliano capo della mobile di Palermo viene assassinato mentre prendeva un caffè al bar, mandante Totò Riina… che c’era ancora un gran fermento tra i bagni di sangue di mafia e camorra e quelli con le brigate rosse e la politica era nel bel mezzo di tutte queste stragi…

Però c’era gente che lottava per la legalità per l’onore e l’orgoglio Italiano, mentre io cresevo dai bassi tavolini dell’asilo passando ai banchi di scuola l’Italia si evolveva e il benessere generale che aumentava un po’ per tutti metteva a tacere o perlomeno calmava gli animi intrisi di ribellione, anche se la voglia di parità per tutti rimaneva.

La mia prima bandiera Italiana l’ho avuta a 11 anni al mio primo mondiale vissuto da vicino “Italia 90”, ero molto fiero di quella bandiera e del mio paese l’Italia, un paese che in quell’anno si era mobilitato per accogliere tutto il mondo attorno ad un pallone… gli anni successivi volarono e da quel tricolore sventolato per la Nazionale Italiana mi ritrovai a vedere il tricolore con una divisa militare,  ero fiero di portare sul braccio il tricolore, è stato lì che ho imparato a memoria l’inno di Mameli, è li che ho imparato parola per parola il suo vero significato… il paese in cui vivo… un paese meraviglioso baciato sui tre quarti del territorio dal mare, protetto da una delle catene montuose più famose al mondo, splendido nella varietà dei cibi, tutti derivanti dalla nostra storia, dai nostri nonni, bisnonni, trisavoli, che nella povertà per sopperire ai pochi soldi e a famiglie numerose hanno fatto creazioni che oggi vengono gustate e stimate in tutto il mondo con marchi DOC e DOP. Sono fiero di avere nel cuore il nostro tricolore, e un po’ mi dispiace non aver potuto vivere anche i 119 anni già passati, credo proprio che sia un ONORE essere ITALIANO, e il 17 Marzo festeggerò mettendo il tricolore alla finestra!

Nonostante tutto quello che ho appena detto non vuol dire che mi sento rappresentato da questo governo, ma non per questo disprezzo il mio paese, non sono così ipocrita da disprezzarlo con una mano o meglio con un dito particolare della mano, e con l’altra mano mi metto in tasca la retribuzione che mi dà il governo, lo stato o come la chiamano loro “ROMA LADRONA” stipendiati per scaldare poltrone della stessa “Roma ladrona” di cui fanno parte. L’unico sole delle Alpi è quello che fa luccicare i ghiacciai, quello che mi abbronza in una passeggiata in montagna o durante una sciata, e per tutti quelli che pur vivendo in ITALIA pur prendendo soldi dal governo Italiano perchè hanno uno statuto speciale, perchè hanno le comunità montane, e di conseguenza quei soldi che vi arrivano escono sempre dalle nostre tasche QUELLE DI NOI ITALIANI, ecco a tutti voi abitanti a ridosso dei confini che vi sentite inadeguati qui in ITALIA, e non vi sentite ITALIANI… Beh… TOGLIETEVI PURE DAI COGLIONI CHE TANTO LA VOSTRA MANCANZA NON LA SENTIREMO!!! Andate pure nei vostri stati vicini dove sicuramente vi sentirete meglio e più adeguati, dove sarete liberi di non parlare L’ITALIANO,  lasciate pure a noi le vostre baite che qui in ITALIA noi ci stiamo benissimo e tutto sommato una baita a gratis e uno stronzo in meno non ci dispiace affatto!





camomilla VS tisana

15 02 2011

Devo ammettere di essere piuttosto di parte verso la tisana per un semplice fatto, da ex “camomilliere” io bevendo la mia bella camomilla  non ottenevo nessun risultato, nessun sonno facile nulla… Quindi le tisane hanno prevalso sui miei gusti e mi garantivano il sonno facile, quello che posi la testa sul cuscino e pensi adesso mi giro dall’altro lato nel letto e non fai in tempo… Resta il fatto che alcuni anni fa preso dallo sconforto di non avere tisana in casa decisi di sperimentare la doppia bustina di camomilla nella tazza… Ragazzi LA BOMBA! funziona, e funziona di brutto, almeno è quello che mi succede mi da una botta di sonno assurda  senza farmi rimpiangere nessuna tisana, negli ultimi tempi l’ho fatta provare anche alla Fede e il risultato è stato lo stesso, ora voglio provare appena capita con tre bustne… se non mi vedrete scrivere per un’altro anno sapere il perchè!





Dissolvenza apparente

10 02 2011

Ci tengo a dire…. che ci sono ancora.

Ci sono parecchie cose da raccontare, ma poco spazio, poco tempo per farlo, diciamo che mi mancano gli spazi personali quelli dove ti rinchiudi per scrivere un post, quelli dove ti metti comodo a leggere un libro, o quelli per fare una corsa di una mezzoretta, insomma, sono in fase di “risparmio energetico” dove faccio giusto il minimo per non far morire  proprio lo spirito in attesa di tempo e spazio.

Comunque!! vi aggiorno su quello che ho visto, imparato, e quello che ho scoperto, ora so piuttosto bene parecchie parolacce in dialetto genovese, come sempre sono le prime cose che impari qualsiasi parte del mondo vai, per il resto se capitava che mi parlassero in dialetto per la maggiorparte delle volte annuivo con la faccia e il sorrisino da ebete, e poi un inevitabile “eh?” utile a farsi rendere potabile ogni frase, ma lo sapevate che qui se magari ti trovi il sabato sera in giro e non si sa cosa fare la frase che potrebbe saltar fuori è “andiamo a Milano a bere un caffè?” caspita è tutta la vita che la vivo al contrario questa frase, perchè per me era normale dire “andiamo a Genova a bere un caffè” era un caposaldo della mia esistenza e ora scopro che i Liguri se ne vengono a Milano pure loro a bersi un caffè, caspita pensa che via vai in autostrada tutto per un cazzo di caffè!!!

Tra le cose più importanti però volevo lasciarvi quest’ultima… ho visto il mare in ogni stagione dell’anno… tranquilli è vero il mare resta sempre li anche dopo l’estate e ora ne ho le prove!





Giù il gettone…altro giro altra corsa…

17 02 2010

Partenze, arrivi, autostrada, treni, caselli, pedaggi, benzinai, autogrill, valige, gesti e azioni di una normalità quasi quotidiana, per meglio dire settimanale o giù di li… E poi…? Accadono cose rapide così incredibilmente repentine da non riuscire a realizzare, sai solo che devi cavartela comunque sia in qualunque modo vada… Solitamente nella mia vita succede sempre tutto così, lunghe attese per poi esplodere nei cambiamenti, tipo un’onda gigante che si abbatte sulla costa, un vortice che mi travolge e stravolge, a volte la devastazione è positiva altre è solo devastazione, e così ancora una volta si riparte, questa volta la devastazione è stata moooolto postitiva, forse quasi incredibile per alcuni aspetti, e ora la prospettiva del mio futuro è decisamente diversa forse un po più vicina a quello che vorrei, un po più vicino a toccare i miei sogni, ora il cielo, il sole, sono sì sempre gli stessi, ma ora, adesso, il punto di vista è dalla stessa prospettiva uno affianco all’altro con il naso all’insù, mano nella mano e con l’altra a disegnare sogni tra le nuvole e l’azzurro, così, si va verso una primavera dai profumi diversi di una terra che ancora devo scoprire che ancora devo vivere dopo tanti sospiri tanti forse, tanti ma, ora è arrivato il momento ora sono qui, ora sono accanto a te amore mio…





Greenpeace delle lumache

24 07 2009

lumaca.jpeg

Mondo lumaca… potrebbe essere un’imprecazione o il nome di una rivista di settore, oppure semplicemente fermarsi un momento a guardare questi esserini piuttosto lenti nel muoversi ma impavidi davanti ad ogni situazione, “camminano” ovunque si muovono su quasi tutti i terreni, hanno quelle due cornine retrattili o meglio gli occhi che usano come il bastone per un  non vedente, ma onestamente non è di questo che volevo parlare anche perchè non ne so molto di lumache in verità, ma piuttosto di quello che sta per “consumarsi” (parola non usata a caso) in casa mia tra non molte ore… Abitando in zone ancora piuttosto verdi, facilmente in alcuni prati nelle giornate piovose ci si imbatte in lumache di ogni tipo e colore, in realtà 2 colori, rosse senza guscio e grigio/marroni con guscio, altre non ne ho viste, mia madre approfittando di questi temporali estivi le sta raccogliendo (quelle con guscio) per prepararsi un piattino con i fiocchi… Premetto che io nella mia vita non ne ho mai mangiate ne mai le vorrò mangiare, sarò pure un discreto carnivoro ma mi fermo a tipi di carne più comuni, sta di fatto che questa sera dopo una sorte di mini piovuta con due lampi e boati annessi, (un similtemporale) è andata a recuperare la sua refurtiva lumacosa nell’orto… ora le bestioline stanno pernottando in un secchio in casa senza sapere che questa sarà la loro ultima notte…  Io a questo punto un po di dispiacere ce l’ho nel vedere quei lenti esserini ammassati in attesa della loro chiamata (in pentola) e quindi sono tentato a fare un’azione estrema ed estremista in stile Greenpeace, LA LIBERAZIONE DELLE LUMACHE! Ho già provato a dissuadere mia madre ma non ha mollato il colpo, d’altronde sono settimane che “colleziona” le lumache, è come togliere il raccolto ad un contadino che con cura amorevole lo ha coltivato e cresciuto, ma mannaggia povere lumachine!!!

Non so se riuscirò a fare davvero qualcosa questa notte ma se non lo farò comunque sia potrò dire che ne ho sostenuto la loro causa. (classiche parole da politico)

Magari se ne libero qualcuna nessuno se ne accorgerà… 😉

vediamo…

NB: In questo post nessuna lumaca ha subito maltrattamenti o rischiato per la propria incolumità. (per ora)





Niente di meglio

23 07 2009

thumb_5467694.jpg

Arriva la sera e dopo le giornate calde, caldissime di queste settimane non c’è nulla di meglio di una bella doccia, ma la cosa più bella è quella di farla tiepida quasi fredda, credo sia uno dei piaceri più belli che l’estate regala, un piacere quasi paragonabile al fare la pipì dopo che la tenevi da tanto tempo, si forse il paragone non è proprio bellissimo ma provate a pensarci, rende l’idea no? Anche se devo ammettere che secondo me, a casa mia c’è un complotto quando io sono sotto la doccia, le cose vanno in questo modo: Dopo cena solitamente mi tuffo in doccia (che poi se lo facessi veramente alla lettera penso che non sarei più qui a raccontarlo… comunque…) mi adagio in doccia, e puntualmente mia madre inizia ad aprire e chiudere l’acqua per lavare i piatti… ciò significa il più delle volte getti d’acqua ghiacciata di colpo e poco dopo quando la chiude, ma io ormai ho già regolato per avere più acqua calda puntualmente mi arriva un getto d’acqua bollente, pari a poter capire come può sentirsi un’aragosta al momento della cottura…  allora ho provato a variare le cose, solitamente mia madre guarda qualche soap serale, quindi ho provato sia ad andare in doccia durante, con scarsi risultati, ho provato sia prima, che dopo ma non ho avuto successo, ho provato anche a fare delle finte,  ad andare in bagno e farmi la barba occupando un buon quarto d’ora prima di entrare in doccia ma nulla è valso, dev’essere lo scroscio dell’acqua che la invoglia a lavare i piatti secondo me… credo ci sia sotto un complotto, il problema è che non vuole la lavastoviglie… io penso che prima o poi gliela regalo e finalmente docce serene per tuttiiiiiii… credo che prossimamente mi candiderò alle comunali con lo slogan “PIU’ DOCCIA PER TUTTI!!!”





Piccoli piaceri estivi

17 07 2009

Ok non siate subito maliziosi… anche perchè non è proprio romantico o dolce quello che volevo dire ma è comunque una bella soddisfazione, l’altro giorno al supermercato trovo un’articolo che avevo già adocchiato tempo indietro a un prezzone decisamente buono, non mi convinceva del tutto ma alla fine l’ho comprato…

La fantastica RACCHETTA CHE FULMINA MOSCHE E ZANZARE!!!

racchetta_.jpg

Sono bastate 2 pile stilo per prendersi delle soddisfazioni incredibili! Sin da subito ho girato per la casa come un cecchino in attesa di colpire il suo obbiettivo,(è pazzesco come vanno le cose, quando hai bisogno di un’insetto che voli non ne trovi uno nel raggio di 100 km…) dopo una ricerca estenuante (va bè magari estenuante è un po esagerato) ecco librarsi nell’aria una bella mosca che girava felice e serena in tondo sotto il lampadario (non ho mai capito l’attrazione che hanno le mosche ai lampadari forse sarà il campo elettromagnetico boh) fattò stà che metto in azione l’arma micidiale e……  booooomh! un botto pazzesco segnala che ho colpito in pieno la mosca e la soddisfazione è davvero notevole… un  po mi spiaceva per la mosca ma ero soddisfatto della mia racchetta, ma le migliori soddisfazioni  le ho prese con le zanzare di queste sere, quando assetate di sangue ti ronzano attorno schivando le tue mani mentre cerchi di allontanarle…

Basta battiti di mani pazzeschi e rimanerci male quando esaminando le mani ti accorgi che ti è sfuggita, (proprio tra le mani…) basta sventolii vari di mani e di giornali per togliersele di torno, e nel frattempo loro si sono già posate in qualche punto del tuo corpo per un prelievo gratuito…

Ah ah ah… (risata maligna) per voi zanzare è finita… Andre Agassi non è nulla ormai confronto a me… Wimbledon sto arrivandoooo! (scusate mi son lasciato prendere dall’entusiasmo.)